Skip to main content

Ambliopia

L’occhio pigro, o ambliopia, è una condizione in cui una persona ha difficoltà a vedere in un occhio. Questa condizione inizia durante l’infanzia e peggiora fino all’età di 12 anni, quando si stabilizza. Se non trattata, può causare una perdita della vista perché le vie nervose che corrono tra l’occhio e il cervello si atrofizzano o si deteriorano.

L’equipe di Dr. Dario Severino cura rapidamente i bambini con ambliopia per prevenire un disturbo permanente della vista. Tratta anche gli adulti che hanno avuto la condizione fin dall’infanzia per affrontare eventuali effetti estetici.

Trattamento

Il trattamento si concentra sul rafforzamento della vista nell’occhio pigro e sulla prevenzione delle complicazioni. A seconda della situazione di tuo figlio, Dr. Dario Severino può prescrivere occhiali o cerotti, farmaci o interventi chirurgici.

Se pensi di soffrire di qualche patologia legata all’occhio, dovresti prendere un appuntamento per un trattamento medico immediato, poiché i tempi sono fondamentali per molte delle opzioni di trattamento a tua disposizione. Prima agisci, maggiori sono le tue possibilità di preservare un certo livello della tua capacità di visione.

Appuntamento oggi per oggi

In caso di emergenza medica, chiama immediatamente il 118.

Comprendiamo che possono sorgere alcuni problemi che richiedono un’attenzione immediata. In questi casi, l’attesa di un appuntamento fisso o di un appuntamento non è un’opzione. Questo è il motivo per cui abbiamo a disposizione gli esami in giornata. In caso di problemi agli occhi di emergenza, chiamaci per vedere come possiamo adattarti al meglio al programma della giornata. Desideriamo fornire il miglior servizio possibile ai nostri pazienti e tu non meriti niente di meno.

Supportati da un team di oftalmologi e optometristi certificati, che hanno decenni di esperienza combinata tra di loro, sono in grado di gestire qualsiasi aspetto della cura degli occhi per conto dei pazienti, dagli esami in giornata agli esami generali al LASIK, interventi chirurgici complessi e non solo.

Se hai altre domande su ciò che puoi ottenere dagli esami della vista in giornata, o se desideri semplicemente parlare con qualcuno della tua situazione in modo un po’ più dettagliato, non esitare: contatta il Dr. Dario Severino oggi.

Diagnosi

L’equipe di Dr. Dario Severino è esperta nella diagnosi dell’ambliopia, una condizione in cui la vista non si sviluppa correttamente in un occhio, anche se la struttura dell’occhio può essere normale.

Un certo numero di disturbi agli occhi può far sì che il cervello veda un’immagine nitida in un occhio e un’immagine sfocata nell’altro. Il cervello ignora l’immagine sfocata e favorisce quella chiara proveniente dall’occhio sano.

Se questo continua per mesi o anni, le vie nervose dal cervello all’occhio, producendo immagini sfocate, iniziano ad atrofizzarsi, o si deperiscono, causando un occhio pigro. Se non trattata, può verificarsi una perdita permanente della vista, nonché una perdita parziale della percezione della profondità.

L’occhio pigro si sviluppa nella prima infanzia e può peggiorare, se non trattato, fino all’età di 10 o 12 anni. Quando un bambino raggiunge l’adolescenza, la condizione si stabilizza. A questo punto, però, il danno all’occhio potrebbe essere irreversibile.

I sintomi in un bambino piccolo includono urtare oggetti, perché la percezione della profondità è influenzata, o un occhio errante. Un bambino più grande può avere difficoltà a disegnare, leggere o scrivere.

Gli adulti con occhio pigro possono avere un occhio errante, visione offuscata, visione doppia, scarsa percezione della profondità e mal di testa.

L’occhio pigro tende a correre nelle famiglie. I bambini nati prematuramente sono a rischio, così come quelli con condizioni neurologiche, tra cui autismo, sindrome di Down e paralisi cerebrale .

Cause e fattori di rischio

Tre disturbi agli occhi possono causare ambliopia.


Strabismo

Lo strabismo, una condizione in cui uno o entrambi gli occhi sono disallineati, fa sì che gli occhi guardino in direzioni diverse. È la causa più comune di ambliopia.

Con lo strabismo, noto anche come occhi incrociati, l’occhio di un bambino può girare verso l’interno o verso l’esterno, impedendo agli occhi di concentrarsi sulla stessa immagine. Ciò può causare una doppia visione.

Il cervello in via di sviluppo di un bambino compensa “spegnendo” le immagini nell’occhio disallineato o l’occhio con il disallineamento maggiore se si verifica uno strabismo in entrambi. Questo fa sì che il cervello favorisca la visione in un occhio. Se non trattato, lo strabismo può portare alla perdita della vista.


Anisometropia

L’anisometropia è una condizione in cui gli occhi hanno diversi gradi di errore di refrazione. L’errore di refrazione è un disturbo della vista comune in cui le persone possono essere miopi o lungimiranti.

Nelle persone miopi, gli occhi focalizzano la luce in un punto davanti alla retina, lo strato di tessuto nella parte posteriore dell’occhio che riceve la luce e trasmette i segnali nervosi al cervello. Di conseguenza, le persone possono vedere chiaramente gli oggetti in primo piano, ma non quelli che sono lontani.

Nelle persone lungimiranti, gli occhi focalizzano la luce nella parte posteriore della retina. Vedono oggetti distanti più chiaramente di quelli che sono in primo piano. L’errore di rifrazione può anche provocare l’astigmatismo, in cui l’occhio non focalizza la luce in modo uniforme sulla retina, facendo apparire le immagini sfocate o allungate.

Normalmente, le persone hanno un errore di rifrazione allo stesso modo in entrambi gli occhi. Se tuo figlio ha un errore di rifrazione in un occhio che differisce notevolmente dall’altro occhio, una condizione nota come anisometropia, il cervello favorisce l’occhio con l’errore inferiore. La visione nell’occhio con il maggiore errore di rifrazione rimane sfocata, il che può causare un occhio pigro e la conseguente perdita della vista.


Occlusione visiva

Se tuo figlio nasce con una condizione che ostacola o offusca la vista, chiamata occlusione visiva, il cervello favorisce l’occhio senza l’ostruzione, portando all’occhio pigro.

Le condizioni che possono causare un’occlusione visiva includono la cataratta congenita, un annebbiamento del cristallino, la parte dell’occhio che focalizza la luce sulla retina; o ptosi, in cui la palpebra si abbassa sull’occhio, ostruendo la vista.

Esame oculistico di routine

L’equipe di Dr. Dario Severino rileva l’ambliopia eseguendo una serie di test. Se tuo figlio è molto piccolo e non riesce ancora a comunicare bene, il medico deve fare affidamento sui segnali forniti durante una visita oculistica.

Test di occlusione differenziale

Durante questo test, il medico alterna la copertura dell’occhio destro e sinistro con un cerotto per osservare la risposta del bambino. I bambini che non sono in grado di vedere bene da un occhio diventano irritabili se l’occhio sano è coperto.


Retinoscopia

La retinoscopia consente a Dr. Dario Severino di valutare accuratamente la vista nei bambini, nonostante il loro livello di cooperazione o capacità di parlare. L’obiettivo è determinare l’errore di rifrazione del bambino – ipermetropia, miopia o astigmatismo – e se ha bisogno di occhiali. Durante questo test, l’oftalmologo utilizza un retinoscopio, uno strumento che proietta un raggio di luce sugli occhi del bambino.

Il medico esamina quindi come la retina riflette questa luce mentre sposta il raggio attraverso l’occhio. Il riflesso della retina indica al medico dove viene focalizzata la luce dell’occhio e che tipo di errore di rifrazione è presente.

Il medico posiziona quindi lenti con poteri diversi davanti all’occhio fino a quando la luce non viene focalizzata e riflessa correttamente e l’errore di rifrazione non viene corretto. La potenza della lente richiesta per focalizzare la luce nell’occhio consente al medico di determinare quale tipo di prescrizione per occhiali potrebbe essere necessario a tuo figlio.


Test dell’acuità visiva

Se tuo figlio è in grado di parlare o leggere, il medico può eseguire test visivi con un grafico alfabetico per determinare se la visione a distanza di tuo figlio è normale. Molte persone lo riconoscono come l’esame della vista “20/20”.


Prova del prisma

L’equipe di Dr. Dario Severino può utilizzare uno strumento a forma di prisma per misurare la quantità di disallineamento degli occhi o strabismo. Il prisma piega il percorso della luce che il medico illumina nell’occhio, consentendogli di misurare il grado di disallineamento. Il test può anche aiutare i medici a determinare se tuo figlio preferisce un occhio rispetto a un altro quando gli viene chiesto di guardare un oggetto.

Farmaci

Dr. Dario Severino può prescrivere colliri medicati per un occhio pigro causato da strabismo o anisometropia. Le gocce, che contengono atropina, un farmaco che dilata le pupille e offusca la visione ravvicinata, vengono poste nell’occhio sano. L’obiettivo è incoraggiare il bambino a fare affidamento sull’occhio pigro, aiutandolo a diventare più forte nel tempo.

Il vantaggio dell’atropina rispetto alla terapia occlusiva è che il suo effetto dura tutto il giorno e non devi preoccuparti che tuo figlio si tolga un cerotto dall’occhio.

I farmaci possono anche essere un’opzione per i bambini che non vogliono indossare il cerotto a causa di uno stile di vita frenetico. Ad esempio, i bambini che praticano sport potrebbero trovare la toppa ingombrante.

Le gocce di atropina vengono somministrate una volta al giorno. La terapia può continuare per settimane o mesi a seconda della gravità dell’occhio pigro e del tempo necessario per normalizzare la vista o avvicinarsi alla visione dell’occhio sano.

Gli effetti collaterali sono rari ma includono arrossamento o gonfiore intorno agli occhi, arrossamento della pelle e febbre. Se uno di questi si verifica, informi il suo oculista pediatrico.

Trattamento non chirurgico

L’equipe di Dr. Dario Severino può raccomandare trattamenti non chirurgici per l’anisometropia, in cui gli occhi di un bambino hanno diversi gradi di ipermetropia o miopia; e strabismo, o occhi incrociati. Più piccolo è il tuo bambino, più facile è invertire l’occhio pigro con questi trattamenti.


Occhiali

Se tuo figlio ha l’anisometropia, gli occhiali potrebbero essere sufficienti per invertire la condizione. Il medico può raccomandare che il bambino porti gli occhiali fino all’età di 10 o 12 anni, quando lo sviluppo degli occhi è completo.


Terapia di occlusione

Se gli occhiali da soli non possono correggere l’occhio pigro causato dall’anisometropia o se tuo figlio ha uno strabismo, l’oftalmologo può raccomandare la terapia dell’occlusione.

L’obiettivo della terapia dell’occlusione è limitare l’uso dell’occhio sano coprendolo. Il medico può consigliare di utilizzare un cerotto morbido con bordi appiccicosi che aderisce alla pelle intorno agli occhi.

Questa terapia fa lavorare di più l’occhio ambliopico o pigro e diventa più forte. Impedisce anche al cervello di ignorare l’occhio colpito. Se questa terapia viene iniziata abbastanza presto, la vista nell’occhio più debole può migliorare e può persino diventare buona come quella nell’occhio sano.

A seconda dell’età del bambino e della gravità dell’occhio pigro, può sottoporsi a una terapia di occlusione da due a sei ore al giorno. La terapia di solito continua fino a quando la vista nell’occhio colpito non è buona come l’occhio sano o il trattamento non ha più effetto.

L’equipe di Dr. Dario Severino monitora i suoi progressi durante le visite di follow-up, che in genere si verificano ogni tre mesi. Il tuo bambino potrebbe notare miglioramenti della vista entro poche settimane, ma i risultati desiderati possono richiedere molto più tempo. Una volta raggiunto il suo obiettivo visivo, il cerotto non è necessario.

A volte può essere difficile convincere i bambini a partecipare alla terapia di occlusione. Possono diventare irritabili e rimuovere il cerotto. Tuttavia, spesso notano i benefici del trattamento e possono diventare più cooperativi. I nostri medici possono insegnare ai genitori tattiche per incoraggiare un bambino a lasciare il cerotto in posizione.

Chirurgia

L’equipe di Dr. Dario Severino raccomanda un intervento chirurgico per correggere l’ambliopia, in determinate situazioni. Se tuo figlio è nato con una cataratta, che ostruisce o offusca la vista in uno o entrambi gli occhi, il medico può eseguire un intervento chirurgico per rimuoverla. La chirurgia viene eseguita anche per correggere lo strabismo o gli occhi incrociati.

Chirurgia della cataratta

I bambini nati con una cataratta, o cristallino opaco, hanno maggiori probabilità di sviluppare l’occhio pigro. Se la vista in un occhio è bloccata, il cervello favorisce l’occhio più forte e l’occhio colpito diventa debole.

Il cristallino dell’occhio, che concentra la luce sulla retina, è costituito principalmente da acqua e proteine. Questa proteina di solito aiuta a mantenere il cristallino pulito e lascia passare la luce attraverso di esso. Tuttavia, i pezzi della proteina possono aggregarsi e rendere il cristallino torbido. La chirurgia della cataratta comporta la rimozione del cristallino.

La chirurgia può essere una buona opzione per i bambini la cui vista è minacciata da un cristallino opaco. La procedura viene solitamente eseguita in ospedale, con anestesia generale, mentre il bambino è un neonato per evitare danni permanenti alla vista.

Nei bambini di età inferiore ai sei mesi, il cristallino opaco viene rimosso e sostituito con occhiali, che consentono all’occhio di focalizzare la luce sulla retina. I bambini possono ricevere un impianto di lenti per sostituire gli occhiali quando sono più grandi.

Nei bambini di età superiore ai sei mesi, un impianto di lente artificiale, noto come lente intraoculare, sostituisce quella torbida. Tu, in vece di tuo figlio, e il medico stabilite l’età giusta per un impianto.


Chirurgia dello strabismo

Alcuni bambini con occhio pigro a causa di strabismo potrebbero non riscontrare alcun miglioramento con terapie non chirurgiche come occhiali o bende oculari. Potrebbero richiedere un intervento chirurgico per riallineare gli occhi e correggere l’ambliopia.

La chirurgia dello strabismo è una procedura ambulatoriale eseguita per riparare i muscoli responsabili degli occhi incrociati. Mentre la chirurgia può essere eseguita per scopi estetici negli adulti, può anche aiutare a ripristinare la percezione della profondità. Molti adulti ottengono qualche miglioramento nella percezione della profondità dopo l’intervento chirurgico.

Nei bambini e negli adulti, la chirurgia viene eseguita in anestesia generale. L’intervento chirurgico può durare da pochi minuti a un’ora, a seconda che uno o entrambi gli occhi necessitino di correzione. L’oftalmologo identifica quali muscoli necessitano di correzione e li stringe durante una procedura nota come resezione muscolare o li scioglie in una recessione muscolare.

Durante la procedura, uno strumento chiamato speculum del coperchio mantiene l’occhio aperto. Il chirurgo esegue una piccola incisione nella congiuntiva, il sottile strato di tessuto che copre i muscoli oculari. Se il chirurgo esegue una resezione muscolare, rimuove una sezione del muscolo per accorciarla. Il chirurgo sposta il muscolo, quindi lo riattacca più vicino alla parte posteriore dell’occhio.

Negli adulti, il chirurgo può utilizzare una sutura regolabile, che gli consente di accorciare o allungare il muscolo per un ulteriore allineamento dell’occhio entro 24 ore dall’intervento. I medici generalmente usano questo tipo di sutura se la posizione precisa di una sutura fissa è difficile da determinare a causa di cicatrici o infiammazioni.

Due ore dopo l’intervento chirurgico, quando sei sveglio, ti vengono somministrati colliri per intorpidire il bulbo oculare prima che il medico apporti le modifiche necessarie.

Al termine della procedura, tu o tuo figlio rimanete nella sala di risveglio per alcune ore prima di tornare a casa. Potrebbero esserci dolore e arrossamento negli occhi e questi sintomi possono durare per diverse settimane.

Raramente si verificano complicazioni. Includono la diplopia o visione doppia; infezione; sanguinamento; distacco muscolare, il che significa che il muscolo aggiustato durante la procedura si allenta; e cicatrici.

Per aiutare a prevenire l’infezione, Dr. Dario Severino può somministrare alle persone che hanno questo intervento antibiotici e gocce di steroidi, che vengono assunti da pochi giorni a poche settimane.

Alcune persone potrebbero aver bisogno di indossare gli occhiali a tempo indeterminato per vedere correttamente. Altri possono sperimentare una recidiva di strabismo e possono richiedere più di un intervento chirurgico. Se gli occhi si incrociano nel mezzo, potrebbe essere necessario un solo intervento chirurgico. Se uno o entrambi gli occhi si spostano verso l’esterno, c’è una maggiore possibilità che possa essere necessario un altro intervento chirurgico.

Sebbene la chirurgia possa migliorare l’aspetto del tuo bambino, lui o lei potrebbe non sperimentare un miglioramento della vista. Questo perché il cervello controlla gli occhi e la chirurgia del muscolo oculare non affronta direttamente le vie nervose atrofizzate tra l’occhio e il cervello. Una procedura ripetuta, tuttavia, può aiutare a migliorare la vista regolando ulteriormente il muscolo.

Recupero e Supporto

La gestione dell’ambliopia è solitamente un processo che dura tutta la vita. L’equipe di Dr. Dario Severino lavora a stretto contatto con i genitori per aiutare i bambini ad aderire al trattamento e prevenire il peggioramento della condizione.

Indipendentemente dal fatto che tuo figlio abbia avuto un trattamento non chirurgico o chirurgico, le visite di follow-up regolari sono importanti in modo che il medico possa monitorare i progressi del bambino e affrontare eventuali nuovi problemi di vista.

L’equipe di Dr. Dario Severino fornisce alla tua famiglia le risorse per supportare te e tuo figlio durante la diagnosi e il trattamento. Questi includono servizi per la vita dei bambini, assistenza sociale e altri servizi sanitari e di supporto.

Riabilitazione visiva

L’ambliopia può causare un certo grado di perdita permanente della vista in uno o entrambi gli occhi del bambino. Da Dr. Dario Severino, i terapisti occupazionali pediatrici convenzionati lavorano con optometristi del neurosviluppo, specializzati nella valutazione dei problemi visivi e percettivi e delle relative sfide con il movimento. Creano un programma personalizzato per affrontare la vista compromessa di tuo figlio.

I terapisti occupazionali insegnano anche a tuo figlio come compensare la perdita della vista. Possono consigliare dispositivi, come occhiali speciali, lenti di ingrandimento portatili, sveglie parlanti e schermi di computer che contengono immagini ingrandite per una migliore visualizzazione. Questi elementi possono aiutare tuo figlio a raggiungere l’indipendenza nella vita quotidiana e in classe.

Gli adulti possono anche beneficiare della terapia visiva e occupazionale, che può aiutarli a navigare meglio nell’ambiente circostante.

wgas@libero.it
Balestri Anna

Open chat
💬 Hai bisogno di aiuto?
Ciao 👋
Come posso aiutarti?